L’interesse nei confronti degli affitti brevi è sempre più alto in Italia e in Europa. Si tratta infatti di un mercato in crescita prendendo in considerazione il dato mondiale che registra un +11%. In Europa ci sono 42 milioni di viaggiatori che scelgono di soggiornare in un appartamento, una soluzione sempre più apprezzata da molti.

Alcuni clienti sono nella condizione di non poter usufruire di un servizio tradizionale di affitto, dovendo piuttosto preferire un affitto breve, ovvero una tipologia di affitto molto più breve rispetto ad un affitto tradizionale. Gli affitti brevi sono contratti temporanei di durata inferiore ai 30 giorni.

Il cliente può essere interessato a questa tipologia di affitto per diversi motivi ed esigenze, prima fra tutte il turismo.

 

  • Turismo: persone interessate a soggiornare in un determinato luogo solo per un brevissimo periodo di tempo, giusto il tempo di visitare i luoghi nei dintorni;
  • Lavoro: le esigenze lavorative portano spesso le persone a dover vivere per un periodo di tempo più o meno lungo lontane dalla propria residenza, come nel caso di lavoratori fuori sede;
  • Cure mediche in centri appositi: anche in questo caso la distanza dalla propria residenza abituale si rende necessaria e pertanto questa tipologia di affitto può essere la soluzione ideale.
  • Viaggiatori: sempre più spesso questi preferiscono soggiornare in un appartamento e non più in un albergo o bed and breakfast.

 

In tutte queste situazioni, proprio grazie a questa tipologia di contratto inesistente fino a poco tempo fa, è possibile regolarizzare la propria permanenza presso un appartamento per un breve periodo di tempo. Un problema che si presenta di frequente infatti quando si decide di soggiornare in un appartamento in autonomia, dunque senza il coinvolgimento dell’agenzia immobiliare, è la possibilità di ritrovarsi in un appartamento privo di ogni garanzia legale, che invece si ottiene rivolgendosi all’agenzia.

 

Come funziona?

L’affitto breve prevede una permanenza presso l’immobile offerto dall’agenzia per un periodo di tempo pari o inferiore a 18 mesi consecutivi, superato questo arco temporale non ci troviamo più infatti nel contesto dell’affitto breve, ma bensì in quello tradizionale.

 

L’affitto breve presenta due sottocategorie:

  • Affitto turistico: questo consiste in una locazione della durata massima di 30 giorni
  • Affitto transitorio: in questo caso la locazione va dai 30 giorni ai 18 mesi. Questa tipologia è quella preferita da coloro che hanno il bisogno di una soluzione abitativa momentanea.

 

L’affitto breve è una buona scelta qualora non ci si voglia impegnare per un lungo periodo di tempo attraverso un contratto d’affitto tradizionale. L’affitto breve permette infatti di evitare una serie di vincoli e impegni a livello burocratico che l’affitto tradizionale comporta.

House&Loft vuole offrire ai suoi clienti i migliori immobili, anche se soltanto per un brevissimo periodo di tempo. Dunque anche coloro che desiderano vivere in un appartamento ricco di classe ed eleganza, anche se soltanto per un breve periodo di tempo, hanno la possibilità di usufruire di soluzioni abitative che fanno al caso loro, con case di alta qualità.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy