Lusso moderno? Less is more
  • mercoledì 4 settembre 2019

Si sente parlare sempre più spesso di minimalismo, una corrente nata come stile artistico, ad oggi evoluta come un metodo per valorizzare solo le cose davvero importanti. Moda o conseguenza di una società che trasmette un concetto di benessere fittizio che ci porta ogni giorno di più al consumismo sfrenato? Spesso se si pensa a questa filosofia, la prima cosa che ci viene in mente è la parola RINUNCIA, invece il minimalismo, tra le tante sfumature sul significato che possiamo trovare, è anche definito come la ricerca consapevole di ciò che porta gioia nella nostra vita e l'eliminazione volontaria di tutto il resto.

Vivere in uno spazio minimalista dona alla nostra mente un senso di leggerezza e benessere, oltre a donarci costante creatività e concentrazione su noi stessi. Nelle filosofie orientali il vuoto è il quinto elemento ed è considerato il più importante, in esso c'è margine di maturazione e crescita e tutto è potenzialmente possibile. Come per un foglio bianco o una tela vuota che vede artisti e scrittori nella condizione di creare dopo uno sforzo interiore concentrandosi sul “sè”, lo stile minimal ci permette di vivere in un ambiente dove noi siamo il centro e la nostra personalità emerge maggiormente, perché meno oppressa dagli oggetti e da ciò che trasmettono. Per questo motivo, architettura, design e arredamento, con il passare degli anni, adottano sempre di più questo stile. Se ad oggi pensiamo alla parola “moderno”, l'espressione “senza fronzoli” è ciò che ci fa immaginare perfettamente qualcosa che rispecchia le nuove tendenze.

"Ricordo di aver visto molti edifici antichi nella mia città quando ero giovane. Pochi erano edifici importanti. Erano per lo più molto semplici, ma estremamente chiari. Ero colpito dalla forza di questi edifici perché non appartenevano a nessuna epoca. Erano lì da oltre mille anni, e ancora erano straordinari, offrivano un'impressione che nulla poteva mutare." 

Ludwing Mies van der Rohe, architetto e designer, uno dei massimi esponenti del movimento moderno, padre dell'estetica architettonica contemporanea, lo stesso che, adottandolo per un suo manifesto, fece di un detto di un poeta inglese, un vero e proprio slogan: less is more. Un'espressione ancora ad oggi virale, ma che negli anni 40 venne considerata come una vera e propria rivoluzione, infatti se si parlava di grandi opere architettoniche o artistiche, la complessità era la caratteristica fondamentale nella realizzazione e ne delineava la buona riuscita del risultato finale. less is more ribalta totalmente questo concetto e denota come in realtà si possano sviluppare ottimi progetti anche puntando all'essenziale e come si possa adottare questa ideologia anche in tutto il resto.

 

mini case

Una delle soluzioni di tendenza che puntano all'essenziale sono sicuramente le mini case (tiny house). Queste abitazioni ridotte al minimo possono essere un ottima soluzione per le vacanze, soprattutto per chi ama viaggiare e vedere sempre posti nuovi senza rinunciare al confort sentendosi sempre a casa. Quando si desidera visitare nuovi territori, la voglia di scoprire e quindi stare fuori casa è maggiore, viene meno la voglia di fare grandi pulizie e mantenere le abitudini di tutti i giorni dedicate alla propria casa, la vacanza dev'essere un periodo per noi stessi, per prenderci una pausa dalla vita quotidiana, per questo motivo le mini case possono essere la scelta migliore per avere il nostro spazio intimo e privo del superfluo, mantenendo solidità e comodità di un'abitazione. Le tiny house sono infatti facilmente rimovibili e alcune sono anche dotate di ruote, quindi facilmente trasportabili come una roulotte. Dotate di un arredamento funzionale, sono inoltre costruzioni autosufficienti che sfruttano fonti rinnovabili per poter avere in autonomia, senza il bisogno di contratti, l'elettricità, l'acqua e il riscaldamento.

Essendo una tipologia di casa sempre più di tendenza, ovviamente, si trovano tantissime soluzioni, una tra queste, le mini case di lusso. Facili e veloci da costruire rispetto alle abitazioni che siamo abituati a vedere, ci permettono di creare il nostro progetto personale, adattandolo alle nostre esigenze e alla nostra personalità. C'è chi vuole dare più importanza alla zona notte o al soggiorno, chi preferisce un favoloso spazio esterno e c'è chi punta maggiormente ad avere un'ottima comodità e funzionalità del bagno e/o della cucina. Queste sono le prime scelte da fare per la nostra mini casa, oltre alla scelta del materiale migliore per la costruzione e per le rifiniture, per poi dare libero spazio alla nostra creatività. Possiamo trovare molti spunti essendo sempre più in voga, vediamo infatti mini abitazioni pianoterra o a più piani, con bagno, spa e terrazzo sul tetto, pavimenti riscaldati, ampie vetrate e lucernai, giardini verticali su alcune pareti, verande da sogno, impianti di domotica e tecnologia smart. Insomma la parola “rinuncia” è l'ultima a cui dobbiamo pensare anche nel caso delle mini case.

 

arredamento minimal

Uno stile equilibrato, linee pulite e elementi d'arredo essenziali. Se pensiamo all'arredamento minimal ci saltano subito alla mente le parole “ordine”, “pulizia” e “armonia”, parole fondamentali se si parla di casa, il rifugio per ognuno di noi dove la serenità che ci trasmette è alla base di tutto. L'arredamento minimal viene associato spesso a “convenienza economica”, si pensa ancora infatti, che il lusso e l'eleganza siano solo uno stile ricco di sfarzi come nei palazzi e nelle ville della Belle Epoque. Questo può essere facilmente smentito, non a caso sempre più immobili optano per uno stile minimal e poche decorazioni, che regalano un forte impatto visivo.

Il principio fondamentale su cui si basa l'arredamento minimal è infatti l'uso di colori neutri, specialmente il bianco, e forme geometriche semplici e precise, questo ci permette di osare, dando importanza a bellissimi oggetti di design, magari dai colori accesi, per dare personalità alla nostra abitazione, senza rischiare che risultino eccessivi, anzi, donando un bel tocco di originalità e un particolare risultato a colpo d'occhio. I pochi complementi d'arredo ci donano maggiore spazio per vivere la nostra casa e ci permettono di avere maggiore luminosità all'ambiente, spesso per questi ultimi, si scelgono colorazioni che danno contrasto ai colori neutri utilizzati per il resto dell'ambiente. Lo stile minimal punta all'essenziale esigendo il massimo della funzionalità, mobili e accessori si caratterizzano per essere i più discreti possibili, quasi a fondersi, in alcuni casi vengono invece nascosti nel vero senso della parola, come nel caso della illuminazione, dove faretti e led vengono integrati alle pareti o al soffitto con un sistema ad incasso, o nel caso di fili e prese elettriche o maniglie.

Lascia un Commento

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy