7 trucchi per avere case luminose
  • mercoledý 3 luglio 2019

La maggior parte delle persone ama vivere all’interno di una casa luminosa. La luce si sa, influenza positivamente l’umore delle persone, è in grado di risvegliare tutti i sensi, favorisce sentimenti positivi e in generale infonde un senso di positività.

Anche se la casa in cui si vive non è particolarmente luminosa, si possono escogitare delle strategie con l’obiettivo di raggiungere il grado di luminosità desiderato per la propria abitazione. Possiamo in tal senso andare  a lavorare su pareti, oggetti e colori.

Vediamo nel dettagli quali azioni e cambiamenti si possono intraprendere per incrementare la luminosità all’interno della propria abitazione.

1. Scegliere colori chiari

La scelta dei colori delle pareti è di fondamentale importanza per rendere una casa davvero luminosa. Come si pensa comunemente, il bianco è un ottimo colore da utilizzare per rendere le mura domestiche un luogo luminoso e piacevole in cui vivere. I colori chiari in generale sono la scelta ideale per chi tiene a vivere in una casa piacevolmente illuminata. I colori scuri al contrario vanno ad incupirla rendendola inadatta alla creazione di atmosfere vivaci e luminose. Un consiglio da tenere a mente è che il bianco non andrebbe mai utilizzato per le pareti delle case soggette a una scarsa illuminazione,  perché questo comporterebbe un notevole cambiamento nella percezione del colore: il bianco non apparirebbe più come bianco ma come una sorta di grigio/bianco sporco.

La scelta di colori chiari dovrebbe essere prevista anche per le tende. Questo elemento di arredo è infatti molto spesso sottovalutato nella sua capacità di determinare una maggiore o minore luminosità dell’ambiente circostante. Anche in questo caso sono da prediligere colori tenui e materiali leggeri che permettono un adeguato filtraggio della luce, evitare invece i colori scuri accompagnati da materiali spessi. Bisogna tener a mente che spesso sono proprio quegli elementi a cui non prestiamo particolare attenzione a influenzare positivamente o negativamente l’ingresso della luce all’interno dell’abitazione, dunque mai perdere di vista i dettagli!

2. Giocare con gli specchi

Per rendere la casa più luminosa una tecnica utilizzata da molto tempo, ancor prima dell’invenzione della corrente elettrica, prevede l’utilizzo di specchi in grado di riflettere la luce. Se lo specchio viene posizionato di fronte ad una sorgente di luce come una finestra, la luce riflessa renderà molto più luminosa l’intera stanza facendola anche apparire molto più ampia. Inoltre un aspetto a cui non si pensa spesso è  che gli accessori possono rendere più o meno luminosa una casa: oltre alla scelta del vetro, anche quella di plexiglass per le superfici di tavoli e sedie, permette di donare una maggiore luminosità alla stanza in cui questi oggetti sono situati.

3. Gioco di contrasti

Per fare in modo che una stanza appaia più luminosa si può decidere di puntare sul contrasto: l’utilizzo di oggetti o altri mobili di colore scuro, permette di creare un contrasto con le zone più chiare facendole apparire ancora più luminose. Il contrasto di colori può anche essere applicato alle pareti. Questa strategia si rivela molto utile quando siamo in presenza di una finestra: in questo caso il contrasto di colori tra le pareti permette di sfumare la luce che entra nell’abitazione rendendola meno impattante e più piacevolmente diffusa.

4. Utilizzare un’illuminazione artificiale strategica

La principale strategia da seguire per cercare di rendere più luminosa una stanza nel caso in cui la casa non goda di un’abbondante luce naturale proveniente dall’esterno, è quella di puntare sull’ utilizzo strategico della luce artificiale. Via libera dunque a lampade a illuminazione bianca che possono essere utilizzate per faretti, preferibili rispetto a ingombranti lampadari, e lampade da terra da posizionare negli angoli della casa così da illuminare in una sola volta due pareti contemporaneamente.  Dunque la migliore strategia da utilizzare, quando la luce naturale non aiuta, è quella di differenziare le fonti di luce, evitare cioè di usare un’unica e sola fonte di illuminazione posizionata al centro della stanza (sul soffitto e preferire delle soluzioni che vadano ad integrare la luce in maniera invisibile all’interno delle pareti come nel caso di strip led o fari da incasso.

5.Scegliere mobili bassi 

I mobili scelti all’interno di una casa dovrebbero essere il meno ingombrante  possibile, con mobili bassi infatti è possibile permettere alla luce di propagarsi più facilmente all’interno della stanza e in questo modo  apparirà molto più luminosa di quanto non fosse prima. La scelta dei mobili è molto importante quando si deve arredare una casa non molto luminosa poiché questi oggetti sono in grado di determinare la profondità e la definizione dell’ambiente. Per migliorare questi ultimi aspetti si potrebbe scegliere di avvalersi di mobili di colori neutri, per poi puntare soltanto su un mobile particolarmente grintoso, in contrasto rispetto alle pareti e agli altri arredi dal colore neutro.

6. Barriere fotoelettriche

Quando si cerca di rendere più luminosa  una casa, ci si dimentica spesso che è possibile non solo giocare con i colori ma anche con i materiali. Ci sono alcune tipologie di materiali che filtrano meglio la luce permettendone un passaggio e una diffusione nell’ambiente molto più agevolato. Il lino o la garza sono alcuni dei materiali che possono essere presi in considerazione per l’arredamento o il rivestimento dei mobili in ottica di una maggiore  luminosità all’interno di una stanza.

7. Scegliete superfici riflettenti

In base allo stesso principio dell’utilizzo degli specchi, l’impiego delle superfici riflettenti permette di propagare più agevolmente la luce all’interno della stanza che si vorrebbe rendere più luminosa. Al contrario dunque in una casa che si presenta già estremamente luminosa, l’utilizzo di superfici opache è da preferire per evitare l’effetto di propagazione della luce nella stanza.

Le superfici lucide sono un’ottima scelta per rendere più luminosa un’abitazione poiché in grado di riflettere la luce. Per esempio il marmo rappresenta un ottimo materiale da utilizzare in alcune stanze della casa come il bagno o la cucina. Tuttavia con le superfici lucide il rischio di un’esagerazione di luce è dietro l’angolo: spesso se queste superfici non vengono posizionate strategicamente rispetto alle fonti di luce, il risultato potrebbe essere davvero abbagliante.

 

  • Tags:

Lascia un Commento

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy